Domenica pomeriggio

L hi i pensieri e le lenzuola stropicciate. F le accarezza le tempie, con le dita attraversa i suoi capelli indisciplinabili e le sorride. Va tutto bene. Le mani parlano col codice del silenzio. 

In giornate così non c’è bisogno nè di parole, nè di vestiti. Si può rimanere nudi ad ascoltare il respiro di una città che non ha fretta almeno un giorno alla settimana.

Un piatto di tagliatelle al ragù, il concerto di Jovanotti, una settimana di intenso lavoro. Il mondo fuori da quella stanza ha parecchie cose da offrirgli ma loro si prendono il lusso di rimandare ancora un momento, fino ad esaurire la sete di baci che li lega al materasso, finche la giostra del quotidiano non ricomicia da sola a frullare….buonappetito,buonanotte,buongiorno,buonviaggio,buonlavoro…

Domenica pomeriggioultima modifica: 2012-03-11T13:38:00+00:00da tracciadoppia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento